Benvenuti nel nostro sito web

In questo sito potrete trovare informazioni sulla nostra attività sindacale. Approfondire meglio cosa facciamo e soprattutto cosa possiamo fare per voi.

Questo sito vi consentirà di conoscerci meglio e di entrare in qualsiasi momento in contatto con noi per ricevere maggiori informazioni. Per entrare in contatto con il Sindacato Autonomo Divisione Gruppo  C.F.U. - Centro Formativo di Cosenza contattare direttamente inviando una e-mail a:
 
cfu.cosenza@gmail.com oppure telefonare a: 347.8504747  
 
 
risponderà   
 
Antonio Altomare                      

 
 

Si dichiara espressamente che questo sito è libero e indipendente, é un prodotto amatoriale al quale non può essere applicato l’art. 5 della legge 8 febbraio 1948 n. 47, poiché l’aggiornamento delle notizie in esso contenute non ha periodicità regolare (art. 1 comma 3, legge 7 marzo 2001 n. 62).

I post editi hanno lo scopo di stimolare la discussione e l’approfondimento politico, la critica e la libertà di espressione del pensiero, nei modi e nei termini consentiti dalla legislazione vigente.

Questo sito non persegue alcuno scopo di lucro. Tutto il materiale pubblicato su Internet è di dominio pubblico. Tuttavia, se qualcuno riconoscesse proprio materiale con copyright e non volesse vederlo pubblicato su questo sito, non ha che da darne avviso al gestore e sarà immediatamente eliminato.

Inoltre,  questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinità. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. 

L'attribuzione della paternità dell'opera viene sempre evidenziata in fondo agli articoli. La fonte viene sempre citata (con relativo link di reindirizzamento) in fondo agli articoli.

Ove questa direzione venga a conoscenza, anche su segnalazione di terzi, della presenza di contenuti che violano la legge o diritti altrui, li potrà eliminare in tutto o in parte.

Gli utenti che individuino sul sito un qualsivoglia contenuto che ritengono illecito, inappropriato, lesivo dell'immagine o dell'onorabilità di qualcuno, offensivo o volgare sono invitati a segnalarlo alla redazione facendo un uso responsabile della facoltà di segnalazione, evitando eccessi o abusi.

L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. I commenti saranno comunque sottoposti a moderazione.

 

 

Decreto Inserimento in II Fascia Personale Docente.

  

COSTRUIAMO UNA SCUOLA E UN PAESE MIGLIORE.
 

MONDO SCUOLA: Di cosa parliamo oggi 

NOTIZIE SINDACALI.

 

 

Graduatorie di istituto docenti, pubblicato il decreto.

Graduatorie di Istituto 2017/2020, iscrizione elenchi aggiuntivi II fascia entro il 3 agosto 2018

 

Cosenza 11/Luglio/2018

 

Scadenza delle domande: 03/Agosto/2018.

Disponibili i modelli di domanda per l' inserimento in II (SECONDA) FASCIA d' Istituto Docenti.

 

La domanda va fatta cartacea e indirizzata a un Istituto di una sola Provincia a scelta dall' interessato oppure alla scuola polo dove era stata presentata la domanda DOCENTE in TERZA Fascia.

 

Come avevamo annunciato, è stato pubblicato il Decreto  (il DDG)  n. 1069 dell’11/07/2018, avente per oggetto l’integrazione delle graduatorie di istituto del personale docente 2017/2020, tramite la cosiddetta seconda finestra temporale.

 

Chi riguarda


Riguarda coloro i quali hanno acquisito il titolo di abilitazione e/o specializzazione su sostegno oltre il termine di aggiornamento triennale delle graduaotrie (24/06/2017) ed entro il 1° agosto 2018, i quali potranno inserirsi negli elenchi aggiuntivi alla II fascia delle graduatorie di Istituto.


Riguarda anche coloro i quali acquisiranno i predetti titoli dopo il 1° agosto, che potranno solo presentare domanda per la priorità nell’attribuzione delle supplenze dalla III fascia.


Il decreto, pertanto, disciplina:


l’inserimento in II fascia delle graduatorie di istituto dei docenti che hanno conseguito il titolo di abilitazione oltre il previsto termine di aggiornamento triennale delle graduatorie (24/06/2017) ed entro il 1 agosto 2018, i quali verranno collocati in un elenco aggiuntivo alle graduatorie di II fascia;


l’inserimento negli elenchi aggiuntivi di sostegno dei docenti che conseguono il titolo di specializzazione per il sostegno agli alunni con disabilità oltre il previsto termine di aggiornamento triennale delle graduatorie (24/06/2017) ed entro il 1 agosto 2018, i quali verranno collocati in coda agli elenchi di sostegno della fascia di appartenenza;


il consueto riconoscimento della precedenza nell’attribuzione delle supplenze di III fascia di istituto, per i docenti che vi siano inseriti e che conseguono il titolo di
abilitazione nelle more dell’inserimento nelle finestre semestrali di pertinenza.


Precedenza attribuzione supplenze da III fascia


Le domande di precedenza dovranno essere trasmesse, tramite Istanze Online, alla medesima Istituzione Scolastica destinataria dell’istanza di inclusione nelle graduatorie di istituto valide per il triennio 2017/20.


Le funzioni telematiche di cui al comma 2 sono disponibili per tutto il triennio di validità delle graduatorie.


Inserimento elenchi aggiuntivi II fascia


Le domande di iscrizione sono presentate utilizzando il modello A3 entro il termine del 3 agosto 2018, ad una Istituzione Scolastica della provincia prescelta, tramite istanze online.


Inserimento negli elenchi aggiuntivi di sostegno:


Le domande di iscrizione sono presentate, tramite istanze online, utilizzando il modello A5, tra il 20 agosto e il 10 settembre.

 

SINDACATO AUTONOMO SCUOLA COSENZA” 

 

 

 

 

 

SINDACATO AUTONOMO SCUOLA 

 

87100 COSENZA 

 

 

Tel. cell.: 3478504747

 

www.anpacosenza.it 

 

                              

Graduatorie ad Esaurimento

 
  
Mondo Scuola:
                         di cosa parliamo oggi
 
 

Graduatorie ad esaurimento, ci si può entrare ma ad una condizione.

di Avv. Marco Barone
 
 

Il Consiglio di Stato Sez. VI, con Sentenza del 12-06-2018, n. 3622 affronta la questione che attiene alla possibilità per il docente iscritto nelle graduatorie permanenti

Il riferimento è all’art. 401 del D.Lgs. n. 297 del 1994, trasformate in G.A.E. con l’art. 1, comma 605, lettera c), della L. n. 296 del 2006, e da quest’ultima disposizione cancellate per effetto della mancata presentazione della domanda di permanenza in occasione degli aggiornamenti periodici, di essere reinserito nelle stesse graduatorie in occasione di aggiornamenti successivi a quello in cui è intervenuta la cancellazione.

Decadenza

“In via preliminare, va rimarcato che nessuna inammissibilità discende dall’omessa impugnazione nel termine decadenziale, decorrente dalla pubblicazione, del D.M. n. 235 del 2014 (gravato dai ricorrenti soltanto in occasione dell’impugnazione del D.M. n. 495 del 2016).

 

Non sussisteva alcun onere di impugnativa al riguardo, dal momento che l’atto da ultimo citato era stato già annullato – con efficacia erga omnes, trattandosi di atto generale avente effetti inscindibili – dalla sentenza n. 7975 del 2015 del T.a.r. del Lazio (da ultimo, in occasione di altro contenzioso, anche dalla sentenza di questa Sezione n. 3323 del 2017), proprio nella parte in cui all’art. 1, comma 1, lettera b), ha stabilito che “La mancata presentazione della domanda comporta la cancellazione definitiva dalle graduatorie”.

Il predetto giudicato di annullamento ha spiegato i suo effetti anche nei confronti del D.M. n. 325 del 2015, il cui art. 5 prevedeva: “Per quanto non previsto dal presente decreto trovano applicazione le disposizioni contenute nelle norme citate in premessa ed in particolare quelle contenute nel D.M. n. 235 del 1 aprile 2014, di cui il presente provvedimento è parte integrante”).

 

3.1 Del pari, alcuna preclusione processuale può farsi derivare dall’omessa impugnazione dei D.M. n. 42 del 2009 – peraltro già annullato “in parte qua” da questa Sezione con la sentenza n. 3658 del 2014, come si rammenta anche in sentenza – e n. 44 del 2011, poiché la lesione della posizione soggettiva dei ricorrenti è divenuta concreta e attuale soltanto al momento dell’adozione dei criteri di aggiornamento delle G.A.E. (in senso analogo, la sentenza Sez. VI n. 5281 del 2017).”

Domanda di reinserimento e aggiornamento GAE

“Secondo la sentenza impugnata, la domanda di reinserimento per le graduatorie da parte degli aspiranti docenti “depennati” dalle G.A.E., per non avere fatto domanda di permanenza, deve essere qualificata come domanda di “nuovo inserimento”, come tale preclusa dall’articolo 1, comma 605, lettera c), della L. n. 296 del 2006, disposizione con la quale le graduatorie permanenti sono state trasformate in graduatorie ad esaurimento.

 

Sennonché, non è corretto ritenere che dalla trasformazione delle graduatorie permanenti in G.A.E. discenda la preclusione del reinserimento nelle stesse di coloro i quali, già iscritti in passato, ne sono stati cancellati per la mancata presentazione della domanda di permanenza in occasione di un aggiornamento precedente a quello per cui viene presentata istanza di reinserimento (Sez. VI, n. 3323 del 2017).

La domanda di reinserimento è fatta espressamente fatta salva dall’art. 1, comma 1-bis, della L. n. 143 del 2004 – secondo cui: “dall’anno scolastico 2005-2006, la permanenza dei docenti nelle graduatorie permanenti di cui all’articolo 401 del testo unico avviene su domanda dell’interessato, da presentarsi entro il termine fissato per l’aggiornamento della graduatoria con apposito decreto del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della ricerca. La mancata presentazione della domanda comporta la cancellazione dalla graduatoria per gli anni scolastici successivi. A domanda dell’interessato, da presentarsi entro il medesimo termine, è consentito il reinserimento nella graduatoria, con il recupero del punteggio maturato all’atto della cancellazione” -, sempreché ovviamente la sua presentazione sia tempestiva (aspetto che qui non viene in discussione).

 

È vero che la mancata presentazione della domanda in occasione degli aggiornamenti delle graduatorie per il personale docente comporta, testualmente, sulla base di ciò che dispone l’art. 1, comma 1-bis, del D.L. n. 97 del 2004, la cancellazione dalle G.A.E.Nondimeno, tale conseguenza non è assoluta bensì temperata dalla riconosciuta possibilità di domandare, in occasione degli aggiornamenti successivi a quello in cui è stato disposto il depennamento ed entro il termine previsto per l’aggiornamento stesso, il reinserimento. Non a caso l’interessato, una volta reinserito, recupera il “punteggio conseguito all’atto della cancellazione”.

Il reingresso è in graduatoria solo a chi faceva già parte delle GAE

“Tale impostazione ermeneutica non contrasta con la qualificazione “a esaurimento” delle graduatorie stesse, dal momento che il re-ingresso in graduatoria è permesso soltanto a coloro i quali già facevano parte delle graduatorie, pur essendone stati cancellati in occasione di un aggiornamento pregresso, e non anche a chi non abbia mai fatto parte di tale graduatoria, atteso che gli inserimenti “ex novo” sono da ritenersi ammessi solo nei casi particolari previsti dalla legge (e che qui non assumono rilievo). Se infatti la qualificazione “a esaurimento” comporta, al fine di contrastare il fenomeno del lavoro precario nella scuola, una chiusura all’inserimento di nuovi soggetti non inseriti in precedenza nelle graduatorie permanenti, la qualifica di “nuovo inserimento” non si concilia con la posizione del docente a suo tempo già inserito ma poi depennato e che chieda di essere reinserito nella graduatoria divenuta G.A.E., in una situazione nella quale il depennamento definitivo, lungi dal comportare una stabilizzazione lavorativa preclude invece la possibilità di un’occupazione, ancorché precaria.”

 

 

Come procedere per disdire la delega sindacale.

 
Per la disdetta di qualsiasi delega sindacale, è sufficiente stampare, compilare e inviare con raccomandata o consegnare il presente modello al MEF - MINISTERO ECONOMIA E FINANZE - DIREZIONE PROVINCIALE DEI SERVIZI VARI - Via Popilia Angolo Via Antonio Guarasci - 87100 Cosenza -
 
Servono quattro copie compilate: - 1 da presentare o inviare con raccomandata al MEF; - 1 da inviare al Sindacato Segreteria Provinciale di Cosenza; - 1 da presentare e farsi protocollare presso la propria scuola; - 1 da trattenere a cura dell' interessata.

 

CFU-Cosenza: La nostra Visione.

CFU-Cosenza: La nostra Visione. - Sindacato Autonomo Scuola Cs

 

 

CFU.Cosenza 

 
 
Il Centro Formativo Universitario di Cosenza

nasce con l’idea di rafforzare la rappresentanza dei lavoratori e le loro tutele, essere il punto di riferimento politico e professionale di un mondo che associa a tante diversità, competenze, profili e tanti punti in comune (i saperi sono uno strumento fondamentale per dare alle persone pari opportunità).

La nostra visione è quella di essere un fornitore multinazionale riconosciuto a livello regionale e nazionale di servizi di istruzione superiore per un corpo studentesco altamente internazionale e mobile, interessato alle aree di frontiera del business e della gestione.

La nostra missione è fornire alle imprese che possono beneficiarne l'istruzione sia in lingua Italiana che in lingua inglese economicamente e culturalmente rilevante e l'istruzione relativa alla gestione. Siamo guidati dalla domanda e orientati al cliente. Miglioriamo l'apprendimento, aumentiamo la fiducia e creiamo opportunità per tutti coloro che scelgono di investire nello studio presso la nostra scuola.

Abbiamo la consapevolezza che una scuola del terzo millennio debba insegnarci a imparare, lavorare e vivere insieme con gli altri, crediamo che l'istruzione superiore nel terzo millennio debba gettare le basi dell'apprendimento permanente e che una scuola di economia nel terzo millennio deve preparare gli studenti per gli affari internazionali in un mondo globalizzato.

Per questi motivi crediamo che L' University International sia la school del terzo millennio. 

Siamo pienamente convinti che La University International sia un'istituzione che si basa su solide basi e che forma professionisti che, con le loro eccellenti competenze linguistiche, culturali e di marketing, avranno molto successo nelle loro attività nazionali e internazionali.

La University International ha le mani sul polso del cuore dell'Europa e con i campus di Roma, Padova, Napoli, Bari, Lamezia-Nicastro, Vibo Valentia e Cosenza, assicurano che tutti i studenti studino in un ambiente davvero stimolante. Le strutture sono facili da raggiungere e sono dotate di tutto per rendere i vostri anni di studio confortevoli e memorabili.

I programmi dei nostri master sono a tempo pieno, si svolgono su piattaforma OnLine e possono essere completati entro 12 mesi nell’ anno accademico. Al fine di soddisfare i vostri impegni di lavoro, forniamo un programma flessibile con corsi erogati in blocchi didattici. Il programma consente agli studenti, anche con un lavoro a tempo pieno di partecipare, le lezioni si tengono nei quattro giorni della settimana, a scelta dal corsista, in una qualsiasi delle nostre sedi (le date esatte e l’ orario dipendono dal gruppo d’ inserimento) nei giorni di Lunedì, mercoledì, venerdì e sabato. Tuttavia è richiesta serietà e impegno considerevole.

Se si desidera partecipare, si prega di compilare il nostro modulo di domanda elettronico, che troverete su questo sito on-line, poi aggiungere carta di identità, copia del codice fiscale, ed è indispensabile la tua e-mail.

Per ogni ulteriore informazione, inviaci una e-mail del tuo argomento di ricerca all'indirizzo: cfu.cosenza@gmail.com   subito dopo l'applicazione online.

I termini per la ricezione di un modulo di domanda completo (compresa la ricezione di riferimenti) sono i seguenti:

 

• Master di ingresso Anno Accademico 2018/2019:   inizio  Settembre 2018 
Iscrizione al Master di Abilitazione e Sostegno,  oppure solo Sostegno per chi già abilitato, dal 30 Giugno al 30 Luglio 2018.

 

 

 Deducibilità fiscale delle spese di Istruzione Universitaria

Le spese per frequenza di corsi di istruzione universitaria presso le Università non statali, sono detraibili in misura non superiore a quella stabilita annualmente per ciascuna facoltà universitaria con decreto del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca da emanare entro il 31 dicembre di ciascun anno.

Tutte le spese per la frequenza di corsi di istruzione universitaria (tassa, contributi, spese accessorie e tassa regionale per il diritto allo studio universitario) sono considerate oneri detraibili per i quali è riconosciuta, ai fini della  determinazione dell’imposta sui redditi delle persone fisiche, una detrazione d’imposta del 19% (art. 15, comma 1 - lett. e-bis del TUIR approvato con DPR 22 dicembre 1986, n. 917).

Il D.M. 23/12/2016 n. 993 pubblicato nella G.U. il 07/03/2017 stabilisce, confermando quelli relativi all’anno 2015,  gli importi massimi di spesa sui quali calcolare la detrazione dall’imposta lorda sui redditi 2016 per  le tasse ed i contributi di iscrizione per la frequenza dei corsi di laurea delle Università non Statali.

 25/06/2018

dr.Antonio Altomare   

 
 

CAF e Patronato

 

Università OnLine 2018-2019

 

Sindac_Cariati-Mirto-Rossano

 

Tutto 24 mesi ATA 2018-2019

 

Tutto ATA_2018-2019

 

Tutto Mobilità 2017-2018

 

Tutto Pensione 2018

 

Tutto Congedi, Assenze e Ferie

 

Convocazioni_24 Mesi ATA 2018

 

Tutto Docenti di Ruolo

 

TFA_Docenti_2015-2016

 

Tutto Concorso Docenti 2016

 

Util_e Ass_Provv_2015-2016

 

Tutto Pers_Educativo

 

Docenti Religione Cattolica

 

Tutto Dirigenti Scolastici

 

Tutto III^ Fascia ATA 2014-17

 

Tutto Precariato

 

Tutto Ricostruzione Carriera

 

Organici 2014-2015

 

Bollettini Movimenti 2014-2015

 

Bollettini Ufficiali Cosenza

 

Punteggio Giuridico ATA

 

Pensione INPS_2013

 

INPS_Ind_Dis_ e TFR

 

Iscrizioni e Revoche Sind.

 

Piano Dimen. Prov Cosenza

 

Notizie new

 

Tutto Circolari su Supplenze

 

Tutto Organi Collegiali

 

Procedura Ricorsi Precari

 

Tutto_ A.N.I.MED_TFA

 

Tutto Rinnovo RSU

 

Tutto Sentenze

 

Tutto su legge 104

 

Modelli da scaricare/stampare

 

Angolo del Relax

 

SERVIZI FINANZIARI

 

Sindacato Autonomo Europeo

Sindacato Autonomo Europeo - Sindacato Autonomo Scuola Cs

SAESE.EU

GILDA VENEZIA

GILDA VENEZIA - Sindacato Autonomo Scuola Cs

Comune di Cosenza

Comune di Cosenza - Sindacato Autonomo Scuola Cs

Palazzo di Città

Università EuroUniversity

Università EuroUniversity - Sindacato Autonomo Scuola Cs

EuroUniversity On Line

Università della Romania

Università della Romania - Sindacato Autonomo Scuola Cs

Università Dimitrie Cantemir di Târgu Mureș (Romania)

CEIS Tommaso Cornelio

CEIS Tommaso Cornelio - Sindacato Autonomo Scuola Cs

Istituto Superiore

Unical Cosenza

Unical Cosenza - Sindacato Autonomo Scuola Cs

Università Della Calabria

MIB Trieste School

MIB Trieste School - Sindacato Autonomo Scuola Cs

MIB trieste school of management

Università OnLine

Università OnLine - Sindacato Autonomo Scuola Cs

CFU E-Campus

CFI Scuola Ferrara

CFI Scuola Ferrara - Sindacato Autonomo Scuola Cs

CORSI SCUOLA ON-LINE

Orizzonte Scuola Docenti e ATA

Orizzonte Scuola Docenti e ATA - Sindacato Autonomo Scuola Cs

Tutto su mondo scuola

Sindacato Autonomo di Base SAB

Sindacato Autonomo di Base SAB - Sindacato Autonomo Scuola Cs

SINDACATO AUTONOMO SAB

SEGRETERIA On-Line

SEGRETERIA On-Line - Sindacato Autonomo Scuola Cs

Segreteria On-Line

SNADIR

SNADIR - Sindacato Autonomo Scuola Cs

Sindacato Scuola Ins. Religione

GILDA Insegnanti

GILDA Insegnanti - Sindacato Autonomo Scuola Cs

Sindacato Scuola

Sindacato Degli Infermieri

Sindacato Degli Infermieri - Sindacato Autonomo Scuola Cs

Il sito infermieristico.

A.N.I.MED

A.N.I.MED - Sindacato Autonomo Scuola Cs

La Scuola Universitaria On-Line

Sindacato Autonomo Scuola Cs

M I U R

M I U R - Sindacato Autonomo Scuola Cs

Home - MIUR

ATP-Cosenza

ATP-Cosenza - Sindacato Autonomo Scuola Cs

Ufficio Scolastico Terr. di Cosenza

Radio Maria

Radio Maria - Sindacato Autonomo Scuola Cs

Radio Maria